C R O N O G R A M M A



 Art Directions  

  1. Spettro

    ︎ Soundtracks | 1° Coll.

    ︎ Soundtracks | 2° Coll.

    ︎ Soundtracks | 3° Coll.

    ︎ Crime Combo

    ︎ Libraries | 1° Coll.

    ︎ Libraries | 2° Coll.

  2. Vicini Per Chilometri
    ︎ C.S.I. Vinyls

  3. SxM


 Web Design 

  1. L’Arena.it

  2. Tannen E-commerce


 Artworks 

  1. Various

  2. Lupo Solitario

  3. GG Tiki

  4. V2H Poster

  5. Laugavegur Trail

  6. Maso Alto Tonica

  7. GG Beer

  8. Apocalypse Lounge

  9. GG

  10. TNN Poster

  11. Con Ghiaccio

  12. HUP + Spore

  13. Il Vile

  14. Frikkettonism

  15. Lo Chiamavano JR

  16. Turbe Giovanili

  17. Zero Stress

  18. Necroide

  19. Scienza Doppia H

  20. Habemus Baco

  21. Breviario Partigiano

  22. Numero Zero [Unused]

  23. Chicopisco

  24. Anima & Ghiaccio

  25. Americana

  26. Odio Pieno


 Music Production 

  1. Ghost Cities

  2. Apocalypse Lounge

    ︎ Funky Doom

    ︎ Two Guys

    ︎ Let’s Sleep

    ︎ Happy 1942


 Projects 

  1. Tannen Records


 Info 

  1. Cronogramma is a company founded in 2014 by Riccardo Orlandi and based in Verona, Italy. It incorporates the Tannen Records label and takes care of all its creative aspects, such as aesthetics (artwork and packaging), e-commerce management (upgrade, orders, newsletters, customer care, shipping etc.) and tax and financial affairs.


Mark

Apocalypse Lounge / Happy 1942


 4° SINGLE: HAPPY 1942  //  13.12.19
https://tannen-records.lnk.to/happy1942



Music: A/L | Lyrics: Giovanni Succi
Voice: Giovanni Succi & Francesca Amati
Mix: Maurizio Baggio | Master: Gianni Peri
- - - - - - - 
Single artwork: Cronogramma
Foto: Giulia Mazza
Lettering: Luca Barcellona



Mettendomi nei panni degli italiani vissuti, cresciuti o nati sotto il regime fascista, riesco anche umanamente a comprenderne i motivi dell’assenso, superficiali o profondi, i pro e i contro, condizionamenti, opportunismi. Certo siamo belli strani: furbi e creduloni. Provando poi a immaginare come si saranno sentiti quando tutte quelle guerre proclamate vinte dai balconi si rivelavano tragiche disfatte all’italiana (per azzardo, incoscienza, dilettantismo, cialtroneria...). Un irreversibile disastro. Fu la fine di un mondo in cui molti credettero. L’Apocalisse l’hanno vista. E dire che sognavano un bel film. Poi un giorno ti svegli, un secolo dopo, tra brava gente, furba e credulona, convinta che le pseudo-soluzioni di cento anni prima sarebbero perfette per mettere una pezza sulle questioni del presente. Dittature ed eventuali conseguenze, ad oggi molto ben accette. Sarà un bel film. Episodi precedenti. Nel 1914 la gioventù di tutta Europa invocava per noia almeno una guerricciola (sfuggita un po’ di mano: 14 milioni di ragazzi morti male), poi finita quella coi reduci che ci fai? Puoi seminarne un’altra, più ganza. Italia: per qualche annetto scaramucce. Poi un bel 1922 di gaudio e di consenso per un prospero 1942. Dopo un ventennio di belle coreografie, si fanno i conti con le macerie della fine. La festa è in città, si può crepare comodamente a casa, anche senza andare fino in Russia vestiti leggeri. Nel 1942 ci si godono a pieno i frutti maturi dei grandi statisti con la visione nitida e felice di una provvida rovina collettiva. Perché amavano il popolo. 1922 -1942. Vent'anni di cartapesta per un’Apocalisse vera, e non sai a quanti oggi piacerebbe. Ma più ganza. Per la sicurezza, per non morire di noia. Tanti auguri.

All site content copyright © Cronogramma Srl

Mark

Index    Next ︎